“Liberate mio fratello”

lampedusa

Salve Governo Italiano,

mi chiamo Tesfay, vivo in Norvegia. Ho un fratello che, come me, viene dall’Eritrea. È arrivato in Italia il 3 ottobre 2013 sulla barca che è naufragata. Nostra sorella era insieme a lui, ma lei è morta annegata, mentre lui è sopravvissuto. Insieme erano passati attraverso un viaggio difficile e doloroso che dal Sudan li ha portati in Italia. Sono stati rapiti in Sudan da un gruppo di predoni che minacciavano di tagliargli le orecchie e di ucciderli se non avessimo pagato un riscatto. Abbiamo fatto una colletta tra tutti i parenti, anche se non siamo ricchi. Alla fine li hanno liberati al confine con la Libia. Hanno passato 21 giorni nel deserto, camminando a piedi fino a che sono stati catturati ed arrestati dalla polizia libica. Sono stati imprigionati per oltre due mesi. Per liberarli abbiamo dovuto pagare ancora. Ora, in Italia, tutti sanno di mio fratello e degli altri quindici testimoni del naufragio, tra cui una ragazza di 18 anni, chiusi nel centro di accoglienza di Lampedusa. Io parlo con loro al telefono tutti i giorni e so che soffrono molto. Sono stati prigionieri in Sudan, poi in Libia, ora sono ancora prigionieri in Italia a Lampedusa. Io sono stato su quell’isola a visitare i miei fratelli e la mia sorella subito dopo il naufragio ed è stato molto triste. Hanno visto morire i loro fratelli e le loro sorelle con i loro bambini. Credo che voi in Italia non mostriate empatia. A Natale avete liberato 170 persone e loro sono ancora li. Ora io mi chiedo perché? Perché sono ancora lì? Cosa hanno fatto? Erano stati disponibili a dare informazioni sugli scafisti, ma ora sembra che siano loro ad essere stati arrestati. Nei prossimi giorni verremo in Italia, io e altri parenti di quei sedici ragazzi, per chiedere a voi, Governo italiano, come mai non li lasciate andare. Spero che riusciate ad aiutarli il prima possibile.

Annunci

Sbatti lo scafista in prima pagina

Immagine

Del somalo arrestato a Lampedusa con l’accusa di essere uno degli organizzatori della traversata del barcone naufragato il 3 ottobre scorso sappiamo età, nome e cognome. Oggi Il Resto del Carlino, Il Giorno e La Nazione sbattono in prima pagina il suo volto con un titolo eloquente: “faccia da schiavista”. Come capita spesso in situazioni del genere, le vere notizie sono però altrove. Infatti due giorni fa, proprio mentre il primo ministro Enrico Letta si vantava del “cambio di passo sul tema dell’immigrazione” riferendosi alle “1.800 persone salvate” grazie all’operazione Mare Nostrum, il settimanale l’Espresso anticipava online un’inchiesta sul soccorso negato dalle autorità italiane ad un barcone naufragato lo scorso 11 ottobre al largo di Lampedusa. L’operazione “umanitaria” voluta dal premier non ha dunque nulla a che vedere con questa vicenda essendo partita tre giorni dopo, ma l’iniziativa precedente getta più di un’ombra sulla (passata?) gestione dei soccorsi ai barconi in difficoltà. In queste ore i principali mass-media hanno tuttavia fatto una scelta editoriale netta: dare massimo risalto allo scafista somalo arrestato a Lampedusa, ignorando la notizia delle richieste d’aiuto dei migranti siriani lasciati alla deriva per ben due ore dalla centrale di soccorso italiana. Nulla di sorprendente: la retorica degli “italiani brava gente” non contempla l’idea di soccorritori che si voltano dall’altra parte o temporeggiano mentre decine di donne, uomini e bambini annegano nel Mediterraneo. Altro cortocircuito mediatico degno di nota è l’arresto stesso dello scafista: telegiornali e quotidiani danno al riguardo ampio spazio alle testimonianze delle migranti violentate dal somalo nei “centri di raccolta” libici, occultando l’aspetto più rilevante della notizia. Stupri e torture sono avvenuti – e avvengono tuttora – in Libia, uno dei nostri principali partner nella lotta all’immigrazione. Un paese dove, nella più benevola delle ipotesi, le autorità locali non garantiscono ai migranti il rispetto dei più basilari diritti. Circostanza evidenziata anche da Amnesty International nell’accorato appello rivolto lo scorso luglio al premier italiano.