Nessun colpevole per la morte di Kelly Thomas

kellythomasUn’altra bruttissima storia dagli Stati Uniti d’America. Kelly Thomas era un senzatetto con problemi psichici (schizofrenia). Il 5 luglio del 2011 venne fermato dagli agenti di polizia di Fullerton, città situata nell’area di Orange County (California). Quella sera ci vollero sei agenti per renderlo “innocuo”. Estesi e profondi traumi facciali, danni cerebrali e un’asfissia dovuta all’eccessiva pressione sul torace da parte dei poliziotti spinsero i genitori di Kelly, dopo cinque giorni di coma, a spegnere i macchinari che lo tenevano ancora in vita.

Il 13 gennaio l’epilogo (giudiziario) della vicenda: nessun colpevole per la morte di Kelly Thomas.

Annunci

La lezione di Anna Politkovskaja

Immagine

“I giornalisti non sfidano l’ordine costituito. Descrivono soltanto ciò di cui sono testimoni. È il loro dovere, così come è dovere del medico curare un ammalato e dovere dell’ufficiale difendere la patria. È molto semplice: la deontologia professionale ci vieta di abbellire la realtà… L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede”.

Anna Stepanovna Politkovskaja (New York, 30 agosto 1958 – Mosca, 7 ottobre 2006)